Fibromialgia: cos’é e quali sono i tipi di dolore

Una collaborazione di Mónica, La Loca Fibromialgica (la pazza fibromialgica): Sapevi che esistono innumerevoli tipi di dolore nella fibromialgia?

Mónica
Mónica
26 febbraio 2019
fibromialgia tipi di dolore

La fibromialgia è una malattia cronica la cui causa è sconosciuta, essa colpisce il 2,4% della popolazione, cioè piú di un milione di persone nel mondo. Di solito la fibromialgia viene diagnosticata tra i 45 e i 50 anni, ciononostante è possibile individuarla anche prima, tra i 20 e i 30 anni, e nell’85% dei casi interessa le donne. Una di queste ultime è Mónica, o ‘’La loca fibromiálgica’’ (la pazza fibromialgica), che ha deciso di spiegarci quali sono i diversi tipi di dolore, per aiutare in questo modo altre persone con fibromialgia a conoscere meglio questa malattia.

Qui di seguito Mónica condividerá con noi le sue ricerche sulla fibromialgia e sui diversi tipi di dolore

Ciao a tutte, sono Moni, scrivo per il blog “La loca fibromiálgica”; per le lettrici che sono in piena crisi, vi invio un dolce abbraccio virtuale con tutto il mio affetto e appoggio; per quelle che hanno giá superato la propria crisi di fibro, congratulazioni, sono felice che abbiate vinto una battaglia in piú.

Oggi voglio parlare del sintomo che tutte noi, pazienti con fibromialgia (FM), abbiamo in comune e che definisce la FM come tale: il ''DOLORE''; ebbene sí, questo fastidio in maiuscolo e in grassetto che ci sfinisce e che ci rovina le giornate e che molto probabilmente ci lascia distese sul letto, dato che arriva al punto di impedirci di muoverci.

Parlo di questo tema perché in quanto paziente con FM, ho incontrato spesso difficoltá nel comunicare alla mia dottoressa ció che mi sta accadendo, in particolare quello che sto sentendo, quindi ho pensato: ''ad altre pazienti succederá la stessa cosa… e se cerco informazioni su tutto ció e poi le condivido?''. Per questo scrivo questo articolo, piú come una guida che serva da riferimento a tutte le pazienti, affrontando il dolore da un lato con un punto di vista tecnico, ma necessario, dall’altro utilizzando spiegazioni libere per poter digerire tutte le informazioni (tutti i termini medici potrebbero far venire il mal di mare), spero vi possa essere utile.

Cos’è il dolore?

Come prima cosa definiamo cos’è il dolore, secondo il dizionario:

  • Il dolore è una parola che deriva dal latino (dolor/doloris), che indica una sensazione fastidiosa, angosciante, e in generale sgradevole per corpo e anima. Puó trattarsi, pertanto, di un’esperienza sensoriale e oggettiva (dolore fisico) o emozionale e soggettiva (dolore dell’anima).
  • Una definizione medica del dolore è una sensazione scatenata dal sistema nervoso. Il dolore puó essere acuto o sordo; intermittente o costante.

Tipi di dolore nella fibromialgia

È stato scritto molto sui diversi tipi di dolore, ma distinguiamo in particolare due di questi che a loro volta comprendono altri sottotipi di dolore (piú avanti parleró di alcuni), uno è il dolore spontaneo e l’altro è il dolore provocato.

  • Il dolore spontaneo è quello che il paziente sperimenta senza che venga applicato uno stimolo o senza alcuna manovra- Mai sentito parlare del mal di denti?-
  • Il dolore provocato è il dolore che appare come risposta a stimoli applicati in una determinata zona o dopo aver fatto una determinata manovra- come quando sbatti il mignolo contro la gamba del tavolo-. (per saperne di piú vai su IASP (Associazione Internazionale per lo studio del dolore)).

Come ho giá detto, ci sono molti sottotipi di dolore, ma mi focalizzeró solo in quelli che, fino ad ora, sono stati relarionati con la fibromialgia.

1. Iperalgesia: Aumento anomalo della sensibilitá al dolore, vale a dire, uno stimolo che giá normalmente è doloroso viene percepito come ancora piú doloroso. Per esempio, quando sbatti leggermente il braccio ti senti come se il colpo fosse stato molto piú forte di quello che in realtá è stato.

2. Allodinia: È la percezione anomala del dolore, cioè, uno stimolo che in generale è indolore diventa doloroso; per esempio quando ti misurano la pressione e lo strumento comincia a premere, il tuo braccio sentirá il dolore che aumenta, in condizioni normali tutto ció non dovrebbe provocarti alcun dolore o fastidio ma è una conseguenza della fibromialgia.

3. Parestesia con dolore o disestesia: La parestesia piú frequente è la sensazione di formicolio che si sente quando si comprime un nervo, e si nota un intorpidimento di una parte del corpo, la parestesia dolorosa o disestesia è la sensazione anomala e sgradevole di dolore, indipendentemente dal fatto che sia spontanea o provocata. Per esempio questo tipo di dolore si sente quando ci si ‘’addormenta’’ un braccio come conseguenza dello stare per molto tempo coricate, nel cambiare posizione sentiamo come se un esercito di formiche ci salissero lungo tutto il braccio, tuttavia sentiamo questo formicolio unito a dolore come se le zambe di queste formiche fossero infuocate.

4. Pungente: Come indica il nome, si fa riferimento alla sensazione che produce il dolore, come se fosse provocato da qualche oggetto appuntito che punzecchia una parte del nostro corpo; di solito è di intensitá variabile e non perdura nel tempo. Il dolore al colon nei casi di colon irritabile, ne è un esempio.

5. Pulsante: Pulsazione dolorosa, questo è il tipo di dolore piú comune nei casi di emicrania (che interessa molti pazienti con fibromialgia), nella testa si sente un dolore che va a ritmo con la pulsazione delle arterie, come se il tuo cuore si trovasse nella tua testa e ad ogni suo battito corrispondesse un dolore intenso, nel caso dell’emicrania puó essere invalidante.

6. Folgorante: dolore di breve durata ma di grande intensitá, è come se un fulmine ti colpisse, ho provato questo tipo di dolore all’inizio dell’emicrania, come se un fulmine mi attraversasse la testa, questo mi fa capire che si tratta di emicrania e non di un semplice mal di testa, dopodiché si consolida il dolore pulsante descritto sopra.

7. Bruciante: che si percepisce come scottatura, bruciore, sensazione di calore o di bruciatura. Questo tipo di dolore provoca una sensazione che puó arrivare ad essere insopportabile; il dolore provocato dalla cistite ne è un esempio.

8. Colico: Questo dolore è avvertito soprattutto dalle donne, si caratterizza per essere un dolore addominale la cui intensitá varia nel tempo, da piú intenso, oppressivo (crampi e ancora crampi), fino quasi a sparire, per poi tornare ad aumentare di intensitá. Puó essere mestruale o addominale.

9. Oppressivo: Sensazione di pressione o peso. Nella fibromialgia, questo tipo di dolore è piú fastidioso che intenso, si presenta di solito nel petto o nelle spalle, quando è nel petto è come se qualcuno ti si sedesse sopra rendendoti difficile respirare, quando si trova nelle spalle senti come se portassi un gran peso e per questo potrai avere alcuni spasmi.

10. Diffuso: Un dolore diffuso è un dolore difficile da localizzare perché non è nitido e si estende in parti diverse del corpo. Questo tipo di dolore è spesso un segnale rivelatore della fibromialgia. La fibromialgia è difficile da diagnosticare perché il paziente non riesce sempre a descrivere il dolore che sente. In piú le analisi del sangue e le altre analisi di solito non trovano alcuna anomalia.

11. Sordo: Quello che senza essere molto intenso si rivela insidioso o costante e, in generale, è difficile da descrivere o localizzare. Nella fibromialgia dobbiamo convivere ogni giorno con questa sensazione di dolore costante, dolore che per abitudine si trasforma in ‘’sfondo’’, e cioè lo portiamo sempre con noi e tentiamo di portare avanti la nostra vita nonostante la sua presenza.

La lista é infinita, ma credo che questi punti definiscano a grandi linee i tipi di dolore di cui soffrono le pazienti con fibromialgia. Se conoscete il nome di altri tipi di dolore condividetelo, in questo modo tutte noi potremmo farne buon uso e completare il quadro dei tipi di dolore.

Grazie aver dedicato del tempo al mio articolo.


Grazie mille a Mónica per aver condiviso con noi queste informazioni utili! Se vuoi raccontarci la tua storia e condividerla nel blog di MyTherapy, non esitare a contattare Caterina.

Se ti è piaciuto questo articolo dai un’occhiata anche a:

L’app per chi vive con fibromialgia e dolore cronico

L’app per persone con fibromialgia

MyTherapy offre una grande varietá di funzioni che possono aiutare qualsiasi persona che convive con fibromialgia o dolore cronico. Grazie alle diverse opzioni, come promemoria di farmaci, attivitá fisica, registro dei sintomi e degli stati d’animo, le persone con fibromialgia possono tenere sotto controllo le zone doloranti, l’intensitá ecc. Tutte queste informazioni vengono raccolte ogni mese in un resoconto della salute PDF, in questo modo potrai avere un riassunto del tuo stato di salute e condividerlo con il tuo medico o con chi vorrai.